90x100 novantapercento  Free xml sitemap generatorNovantaPerCento- homepage            

 

| Obiettivi | Azioni | Documenti | Diventa Socio | Scrivici | Il Blog | Guida|

Home

 

!BASTA!

Qualcuno deve intervenire

 
 

 
 

 

e, visto che non ci possiamo fidare di nessuno, quel qualcuno siamo noi.

Dobbiamo:

  • Identificare chiaramente il nemico

  • Prenderci la nostra parte di responsabilità

  • Ragionarci su davvero, con calma e pazienza

  • Non rassegnarci al peggio e assumere l’iniziativa

  • Organizzarci per cambiare e pretendere interventi

 
 

 
 

 

CHI SIAMO? Siamo gli stufi e i preoccupati.

Siamo i giovani con troppe domande, siamo i vecchi che ne hanno viste tante ma sono ancora disposti a cercare risposte, siamo quelli che tirano a campare non rassegnati, siamo quelli che vorrebbero potersi difendere e stanno cercando di capire come fare.

Siamo uomini e donne di questo paese.

Siamo il 90%, 40 milioni di lavoratori e consumatori. Una forza immensa che davvero può fare quel che vuole. E non siamo più il "popolo bue", ma il PopoloRinoceronte.

 
 

Si stanno moltiplicando i movimenti di base e le iniziative di coloro che si ribellano al progressivo degrado della società (guarda) ma non si trova la forza necessaria per ottenere risultati decisivi. Evidentemente manca qualcosa, un'organizzazione che unisca e interessi molte più persone. Ci proviamo...

 
 

 
 

un problema di logica:

 

- Sappiamo che noi, il 90% degli italiani, abbiamo un reddito annuo inferiore ai 40.000 euro (e tanti di noi molto inferiore).


- Ci siamo accorti che capitale, finanza, multinazionali, mafie varie, politici corrotti o incapaci ci stanno rovinando.


- Salute, lavoro, ambiente, famiglia, speranza nel futuro, dignità e libertà sono tutti i beni che abbiamo o desideriamo, ma qualcuno - avido e prepotente - ce li sta rubando.

Dobbiamo decidere di difenderci adesso, prima che sia troppo tardi.


- Sentiamo dire che la regola democratica "ogni testa un voto" è ancora valida.

e allora ci domandiamo:

Perché non ci organizziamo e sfruttiamo le possibilità del voto, finalmente, in modo utile e costruttivo?

Berlusconi è "sceso in campo"  quando era pieno di debiti e rischiava la galera, lo stavano rovinando e lui si è fatto furbo: prendiamo esempio da lui! E prendiamo esempio anche dalle donne di Se non ora quando, che senza divisioni ideologiche si sono mobilitate per difendere la loro dignità. Cesare Zavattini proponeva di defurbizzare l'Italia, paese in cui troppi si credono furbi. Salvo poi scoprire, quando li beccano, che invece di ammirazione hanno solo raccolto disprezzo.

I furbi vincono facile con gli ingenui, se impariamo a riconoscerli possiamo batterli.

 

 
 

 
 

 

www.90x100.it

 Guida Rapida al sito

 

Ormai è chiaro:  in tutto il mondo si sta realizzando il progetto che permette a chi detiene potere e capitali di arricchirsi sempre più sfruttando le risorse umane e naturali senza scrupoli.  Ciò avviene grazie al consenso popolare ottenuto in cambio della promessa di raggiungere il più grande benessere.

 

Ma è ormai altrettanto chiaro che questa promessa è falsa, il paese dei balocchi non esiste, perfino Pinocchio se n'è accorto. Al contrario questo schema ci sta portando al punto di non ritorno, al limite oltre cui si perde l'equilibrio e ci si ribalta.

 

Dice Al Gore, nel film Una scomoda verità:

“Se una rana si tuffa in una pentola d’acqua bollente, salta subito fuori perché avverte il pericolo. Ma se si tuffa in una pentola d’acqua tiepida, che viene portata lentamente a ebollizione, non si muove affatto, rimane lì anche se la temperatura continua a salire. E alla fine muore bollita, se qualcuno non la salva. Il nostro sistema nervoso collettivo è come quello della rana: serve una scossa improvvisa perché ci rendiamo conto del pericolo. Se invece ci sembra graduale, anche se arriva velocemente, restiamo seduti senza reagire.”

 

Dobbiamo saltar fuori dalla pentola. La crisi attuale è solo una prima scossa d'avvertimento.

C'è chi lo ha capito e chi no: questo sito è dedicato a chi non lo ha ancora capito e a chi, pur avendone la sensazione, non ne è ancora convinto e vuole approfondire. A costoro è dedicata la sezione documenti. Se ne consiglia una lettura non superficiale.

 

Le pagine Obiettivi e Azioni sono invece dedicate ad una proposta di alternativa alla vecchia politica, così incapace di reagire o addirittura complice. Una proposta che, anche se zeppa di condizionali e di ipotesi, ha i suoi  limiti solo nella matematica, nella statistica e nelle capacità logiche umane:  se, per miracolo, trovasse sostenitori sufficienti potrebbe diventare realtà. 

Un miracolo che si chiamerebbe progresso - non sviluppo  - e che dipende anche da voi che leggete. Una delle prerogative dell'intelligenza è saper abbandonare pregiudizi obsoleti per comprendere meglio la realtà in trasformazione continua.

 

La pagina Guida è in costruzione ma sarà l'arma principale della nostra azione: è pensata come un aiuto critico alla scelta elettorale. Fornirà i dati e le valutazioni sui personaggi politici candidati a governare il Paese.

Saranno valutati separatamente affidabilità, capacità, indipendenza, democraticità, esperienza e carisma. Le valutazioni saranno fornite in due campi: in uno quello degli esperti (giornalisti, politici avversari...) e nell'altro dai soci ordinari dell'associazione.

 

 

Obiettivi

  
 . . . . . . . .